L’ereditarietà astrale da Grace Kelly alle figlie (II parte)

Questa posizione della Luna ha comunque in sè il seme dell’autorigenerazione che Grace Kelly usa però in modo fittizio. Difatti la Luna ha un contatto con la congiunzione Venere Mercurio in casa XI. Nel sociale quindi indossa una maschera di donna radiosa e felice, ma nel suo intimo, casa VIII, è invece preda di condizionamenti emotivi.
Nel quotidiano, casa VI, troviamo Urano che fa quadrato alla Luna.  È proprio in famiglia che lei mostra il lato più insoddisfatto e critico di se stessa. Carolina cresce così sviluppando un’immagine di sè che riflette in modo condizionante quello della madre.
La casa IV poggia la cuspide in Gemelli e Mercurio è congiunto a Venere in casa XI. Carolina ha vissuto l’idea di una famiglia non intima, ma legata al ruolo sociale dove l’immagine proiettata era di assoluta bellezza, ma che in realtà mancava di afflato emotivo.
Un ulteriore condizionamento della figura del femminile che Carolina eredita dalla madre, è dato dal quadrato della Luna con il Sole in casa XII. Il suo sè profondo si dibatte tra la ricerca di un’affermazione libera da costrizioni emotive e la catarsi attraverso le emozioni profonde scorpioniche, inintelligibili però per un Sole aquariano.

Pubblicità

5 pensieri su “L’ereditarietà astrale da Grace Kelly alle figlie (II parte)

  1. Che bella analisi!
    farai anche quella di Stefania? sarebbe interessante una comparazione per vedere come la stessa persona viene percepita da due figlie, anche con lune diverse gli aspetti probabilmente portano a una personalità simile. almeno credo.

    ciao

    • Grazie! Sì, la mia intenzione è quella di parlare dell’ereditarietà astrale che si trasmette da madre a figli, soprattutto figlie e quindi mi concentro principalmente sulla Luna. Quindi prossimo step, Stephanie! (la saga continua… 😉 )

  2. Hi Daniela , alla fine eccomi a conoscere il tuo blog, per ora i miei più sinceri complimenti, spero in seguito di parteciparvi, un abbraccio. Diog.

I commenti sono chiusi.