La Luna Nera raccontata da…

Intervista a Gianni D’Angelo
 Gianni D’Angelo inizia i suoi studi astrologici in Venezuela entrando così a contatto con diverse correnti di pensiero. Studia presso scuole di astrologia umanista di formazione psicologica e si rifà ad autori quali Dane Rhudyar, Liz Green, Stephen Arroyo, Robert Hand, Andrè Barbault ed altri. Attualmente si disimpegna tra l’Italia e il Venezuela tenendo corsi e seminari specializzati in special modo sulla Luna Nera e i Nodi Lunari. È corrispondente del CIDA (Centro Italiano Discipline Astrologiche) per Pescara. Nei tuoi studi uno degli argomenti più approfonditamente trattati è stato quello sulla Luna Nera. Possiamo definirla il lato oscuro della Luna in un’analisi astrologica?
“Luna Nera nel concetto popolare si può riferire alla Luna Nuova, cioè la fase della Luna in cui abbiamo tutto il lato lunare che è in ombra rivolto verso la Terra. Ed essendo questo lato in ombra non riusciamo a scorgerla dalla Terra. Questo fenomeno avviene quando si forma una congiunzione della Luna con il Sole, cioè quando il Sole e la Luna si trovano nella stessa porzione del cielo, e questo significa che quando la Luna si alza sopra l’orizzonte lo fa insieme al Sole che con il suo splendente bagliore ci rende impossibile di vedere la Luna. Quando parliamo di Luna Nera in astrologia invece ci riferiamo ad un altro elemento astrologico che viene chiamato anche apogeo dell’orbita lunare. Questo nome sta ad indicare semplicemente il punto dell’orbita lunare che si trova più lontano dalla Terra. C’è un altro nome che si usa regolarmente per questo elemento, Lilith, un nome che si è preso in prestito dalla mitologia ebraica, a differenza dei nomi degli altri pianeti che provengono dalla mitologia greca. Quindi se parliamo di Luna Nera in astrologia ci riferiamo generalmente a Lilith,l’apogeo dell’orbita lunare”.
Quindi psicologicamente possiamo considerare Lilith come il lato oscuro della Luna?
“Astronomicamente parlando no, ma se consideriamo i valori astrologici della Luna(maternità, infanzia, sensibilità, etc.) allora possiamo dire che la Luna Nerarappresenta tutto l’opposto della Luna. Lilith raccoglie in se caratteristiche che sono ben lontane da quelle rappresentate dalla Luna, caratteristiche che di norma vengono considerate negative (rifiuto, distacco, freddezza…)”
In un analisi di un tema natale la Luna Nera quanto può influenzare?
“Ha una influenza notevole, solo che a volte è difficile riconoscerla. La Luna Nera in astrologia rappresenta la nostra ombra, cioè tutti quegli aspetti della nostra psiche che non vogliamo accettare. E se non siamo disposti a riconoscere quegli aspetti, il più delle volte non saremo capaci di sentirne la sua influenza. Per studiare la Luna Nera si deve necessariamente accettare l’aspetto più difficile della nostra personalità”.
La Luna Nera ha maggiore valenza in un tema femminile o in un tema maschile?
“Lilith è un personaggio femminile nella mitologia ebraica, è considerata un demone, e questo farebbe supporre che siano proprio le donne ad essere più sensibili alla sua influenza. In realtà trattandosi dell’ombra che c’è in tutti noi, chiunque ne viene coinvolto.
C’è comunque una regola che vale per tutti i pianeti ed elementi della cartastrale: più ci rendiamo consci delle nostre diverse parti psichiche, ovvero più ci rendiamo consci dei nostri pianeti e meno subiamo le loro influenze. Al contrario, più cerchiamo di ignorarli e più questi nel tempo si faranno sentire”.
La Luna Nera si riferisce ad un’età in un’analisi astrologica?
“Io credo che la Luna Nera non abbia età. Lilith è rappresentata come una giovane donna nel pieno della sua bellezza, ma essendo un demone è al di fuori del tempo. Direi che la sua influenza è avvertibile in qualsiasi momento della nostra vita, non c’è un’età in cui si fa sentire di più. Per esempio diciamo che la Luna rappresenta la nostra infanzia o la donna quale madre. E diciamo che Mercurio rappresenta l’adolescenza oltre ad altre caratteristiche. Ma Lilith, come i pianeti trascendentali, va oltre la nostra età cronologica.
A livello impersonale invece, nell’arco evolutivo della nostra civiltà, la vedo apparire sin dai tempi arcaici. Non per niente nel mito essa è collocata addirittura prima dell’apparizione dell’uomo sulla terra. In una versione della Genesi lei sarebbe stata la prima donna e compagna di Adamo”.
I transiti dei pianeti lenti alla Luna Nera sono risolutivi dei conflitti che può far emergere in un tema natale?
“A volte sono proprio i transiti dei pianeti lenti sulla Luna Nera che fanno emergere dei conflitti che fino ad allora erano rimasti sopiti. Altre volte ci ricordano le nostre fragilità, oppure risvegliano un senso di fiducia esagerato o un senso di ribellione. A volte questi transiti ci fanno diventare o troppo timorosi o troppo impavidi. Molto dipende dal pianeta che transita e da dove si trovi la Luna Nera nella nostra carta natale”.
Hai svolto molti seminari sulla Luna Nera soprattutto in Sudamerica, trovi che l’accoglienza all’argomento sia diversa che in Italia?
“Ho sempre riscontrato un grande interesse per questo argomento in entrambi i paesi. Quando si parla della nostra ombra, o dei nostri tabù, si risveglia sempre una grande curiosità nelle persone. Inoltre questo argomento è nuovo, non è da molto che se ne parla e ancora da meno che si è riusciti a capire come funziona questo elemento nelle nostre carte astrali, quindi l’interesse è sempre molto alto. Comunque c’è una differenza tra i due paesi, lì sento che ci sono meno pregiudizi e le persone sono più aperte ad accettare l’astrologia e ogni nuova tendenza. Al contrario in Italia trovo un ambiente culturale più preparato ma questo paradossalmente a volte può essere una zavorra per chi crede erroneamente che l’astrologia sia solo una superstizione da superare. Ho trovato certamente più resistenze in Italia ad accettare l’astrologia e anche tra alcuni colleghi italiani che ancora rifiutano argomenti nuovi come questo della Luna Nera”.
Annunci

14 pensieri su “La Luna Nera raccontata da…

  1. le Lune Nere o Lilith sono confutabili …
    dissentisco su tutto quello che si dice (o viene scritto che ho letto + di 10 versioni ) su questo/i punto/i immateriale/i …con 4 effemeridi diverse …di cui la vera Lilith è un asteroide e la vera luna nera è la fase di inizio della congiunzione al Sole della Luna stessa .
    …la mia esperienza su 1000 persone (intervistate in 12 anni di ricerca) analizzate è che non ha nessuna influenza e che le simbologie attribuitegli possono essere riscontrati negli altri corpi celesti /archetipi….

  2. Caro Phoenix, lei non considera Lilith, cosa ne dirà allora di Selen?
    Da noi (scuola russa) si considera anche la Luna Bianca, Selen, alla quale gli astrologi come A.Podvodnyj e P.Globa hanno dedicato molti dei loro trattati. Se Lilith è l’apogeo dell’orbita lunare, Selen è il suo perigeo. Simbolizza la Luna Piena, il meglio che c’è o può essere in una pesona, le cose più belle, anche il punto più sensibile e misericordioso, dove una persona non potrà mai fare del male ad un altro. Lui considera invece la Luna Nera come il punto “anestesizzato” dove una persona non percepisce il dolore provocandolo anche negli altri, ed è anche il punto “della pericolosità per il mondo”. A.Podvodnyj scrive che dobbiamo considerarle ambedue in un oroscopo, creando una linea, un “asse” come scrive lui “della percezione del Mondo”.
    Si può leggere qualcosa in più nellla raccolta delle lezioni di A.Podvodnyj “PSICOLOGIA E ASTROLOGIA. Parte I. Psicologia per l’astrologo. Lezione 6.
    Io personalmente conosco una tipa con Luna Nera sull’Ascendente, dopo di questa non credo solo alla Lilith, ma anche al Gatto Mammone!!

  3. Rispondo a Phoenix che non crede nella Luna Nera perchè è un punto immateriale e perchè nelle sue ricerche non ha mai riscontrato niente di concreto.
    Il fatto che questo sia un punto immateriale non ne determina una minore importanza, altrimenti non dovresti credere ai Nodi lunari che sono punti immateriali anche quelli (l’intersezione dell’orbita della Luna con l’orbita della Terra), e non dovresti credere neanche all’ascendente, un altro punto immateriale (l’intersezione dell’orizzonte terrestre con il punto ascensionale dell’eclittica, in prossimità del punto cardinale est).
    Mentre per il fatto che tu non abbia mai riscontrato alcuna influenza della Luna Nera sulle carte astrali che hai esaminato non significa che altri non abbiano potuto trovare dei riscontri. Tu forse non dandogli molta importanza a questo punto non ne hai riscontrato degli effetti, ma se fai più attenzione potresti cominciare a vedere i suoi influssi. Certo è che se parti prevenuto riguardo questo elemento allora è sicuro che non troverai mai niente.
    Poi dici che l’unica vera Lilith è un’asteroide? Beh, posso dirti che oltre l’asteroide c’è anche questo punto dello spazio che è stato chiamato con lo stesso nome, e si possono interpretare tutti e due in astrologia. E riguardo le 4 effemeridi che tu citi, ti posso dire che in realtà ci sono una decina di modi diversi di calcolare la posizione di questo punto immateriale… Impressionante, non è vero? Io però consiglio di usare la Luna Nera media, ma voi potete sperimentare quella che volete, basta che sappiate quale state usando.
    Infine, sono d’accordo che la Luna Nera condivida delle simbologie con altri pianeti, ma è pure vero che ha delle caratteristiche tutte sue. E questa è una peculiarità che accade non solo con la Luna Nera ma anche con altri elementi; mentre alcuni aspetti possono essere simili a quelli di altri pianeti, nel suo insieme l’essenza di un archetipo-pianeta è unico.

  4. Quali sono le differenze nella simbologia astrologica fra la luna nera come punto dell’orbita (9 anni il suo ciclo) e l’asteroide (5 anni)?
    alex

    • Ciao Alex, probabilmente dovrai aspettare molto per la risposta perchè l’autore dell’articolo è molto lontano in questi mesi. Non sei l’unica persona a porre una domanda sulla differenza tra la luna nera come punto dell’orbita e l’asteroide che porta il suo nome, quindi una risposta chiarificatrice ci sarà di certo. Ciao

    • Ciao Alex
      Premesso che io non ho approfondito lo studio dell’asteroide 1181 Lilith, voglio comunque cercare di risponderti per farti capire le ragioni di questa mia scelta. Il numero che precede il nome dell’asteroide è un numero consecutivo che viene usato per numerare tutti gli oggetti che vengono scoperti in cielo. Questa è una usanza che si pratica dalla scoperta del primo di questi oggetti nel 1801, ossia 1 Cerere, che da poco é stato riclassificato come pianeta nano ma é stato sempre considerato come un asteroide della fascia principale che si trova tra Marte e Giove. L’asteroide 1181 Lilith quindi è stato il millecentottantunesimo asteroide a essere stato scoperto dal 1801 al 1927 anno della sua scoperta. Ma ad oggi ci sono circa piú di 36.000 tra asteroidi e altri oggetti che abbiamo scoperto e classificato, e se li volessimo prendere tutti in considerazione avremmo in media piú di un centinaio di oggetti da esaminare per ogni grado dello zodiaco. É chiaro che abbiamo bisogno di avere un criterio per la scelta di questi nuovi elementi che vengono scoperti di recente. Io in genere uso questo criterio, e cioé che il primo degli oggetti scoperti appartenenti ad una stessa famiglia sia sempre rilevante. Per esempio, il primo della fascia principale di asteroidi, o il primo dei Centauri, etc. Poi sarebbero da prendere in considerazione altri oggetti importanti della stessa famiglia, e infine se proprio vogliamo quelli che piú ci piacciono. Ma con i 10, tra pianeti tradizionali e luminari, i nodi lunari (e perchè non usare i nodi di altri pianeti, mi chiedo), Luna Nera, Chirone, Parte di Fortuna (almeno quella, per non citare altre parti) e i quattro asteroidi principali abbiamo quasi una ventina di elementi da studiare. E vogliamo lasciare indietro Makemake, Haumea, Eris, che sono gli altri pianeti nani? Certo non sará facile stabilire delle prioritá nell’importanza di questi elementi.
      In ogni caso voglio riportare qui un articolo ripreso dal sito del costaricano Juan Revilla che ci puó dare un’idea di come viene interpretato 1181 Lilith.
      Esistono probabilmente molte associazioni “lilitiane” moderne della Luna Nera che appartengono piuttosto all’asteroide 1181 Lilith o a centauri femminili come Chariklo. Dal punto di vista astronomico 1181 é un asteroide socievole e comunitario, ma la Luna Nera non é un punto socievole. Sento che la separazione dei livelli é utile, e forse l’argomento dell’uguaglianza dei sessi, per quel che riguarda i costumi e i valori cambianti di una societá si misurano meglio con questo asteroide.
      E ancora
      La Luna Nera si riferisce all’emancipazione delle donne dal loro destino o compulsione di “uteri” con la loro liberazione sessuale. Ma la Luna Nera é un punto astronomico reattivo, un punto dove si concentra molta energia, ma che non puó integrare o produrre una liberazione. É piuttosto come un calderone o un pozzo; non potrá mai rappresentare una “donna integrata”. É per questo che penso che le trasformazioni moderne della leggenda ebraica che cercano la redenzione della figura di Lilith probabilmente si vedano meglio in altri corpi capaci di trascendere (al contrario della Luna Nera), come ad esempio i centauri, e in particolare Chariklo.

      Come vedi Alex, é molto complesso lo studio di un archetipo come questo, soprattutto se vogliamo tenere conto dei diversi punti astronomici che possono intervenire al riguardo. Io gli asteroidi li vedo come frammentazioni della nostra psiche, elementi che ci permettono di analizzare alcune parti specifiche della nostra psiche. Ma mentre scrivevo queste righe scherzavo con una amica su quali potrebbero essere gli effetti dell’asteroide 13070 Seanconnery o l’asteroide 15381 Spadolini… sveglieranno in qualche modo gli istinti artistici o politici dentro di noi?

  5. x TUTTI quelli che mi citano: giustameNte ogni uno ha le sue esperienze giusto?!

    PS_: che centra il credere o il non credere mica è una religione ! e chi ha detto che non lo mai considerata se nò che senso ha la risposta che ho scritto ?? !!Ripeto in altre parole : io ho fatto un esperimento molto semplice ho preso 70 libri di autori e ho condensato le loro interpretazioni (di cui molte contraddittorie) e lo trasfornmate in domande a un gruppo di volontari il risultato è stato che su 100 la % era troppo bassa e chiunque si poteva riscontrare nel tema altrui …io bado ai fatti non alle teorie o alle filosofie … x il resto noccomment. (NB: mi si può richiedere la documentazione per riprovare l’esperimeNto).
    ——————————–
    abbi pazienza venere marte cancella pure i primi 2 per errore lo inviato senza correggerli!

  6. ciao G,d’Angelo Dimenticavo : Non parto mai prevenuto non’è nella mia natura!
    sono disponibile a chiarire a voce via Skype!

    Per Alexasha se vuoi e se puoi contattami che mi interessano gli autori russi di cui ho un libro sulle sinastrie …

  7. per Phoenix:
    D’accordo, Veneremarte ha il mio indirizzo di posta elettronica. In questo periodo sono un pò incasinata col lavoro ma quando avrò 5minuti liberi ti darò qualche indicazione. Ti chiedo solo una cortesia, se la vorrai fare: mi è già difficile leggere in italiano ma, se il testo è scorretto dal punto di vista grammaticale, la comprensione mi diventa praticamente impossibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...