Astri e coronavirus, davvero si può?

Ormai tutti ne parlano. Eziologi nati o improvvisati ma tant’è. Certo è che fa paura e questo perché non si hanno dati certi e chissà quando ne avremo. Nel frattempo si formulano ipotesi sul come sia nato il virus e le possibilità spaziano da tesi complottiste a quelle fantasiose a quelle probabili. Sono fuori da Facebook da qualche anno ma l’eco di ciò che circola sul social mi arriva ancora perché c’è qualcuno che temendo che mi manchino le informazioni ci tiene a farmele pervenire in qualche modo. Errore. Non mi manca Fb nè il vespaio di opinioni che si agita nei numerosi post pubblicati. Ma veniamo a noi. Non senza sorpresa ho scoperto che ci sono studiosi dell’arte che rivendica la paternità di aver scritto, con largo anticipo su altri astrologi che magari faceva altro in quel momento come vivere per esempio, sulla possibilità di una pandemia mondiale e ora paiono fieri che ciò sia accaduto perché si sa, l’ego ha bisogno di conferme. È vero, in cielo c’è un potenziale e pericoloso assemblaggio di pianeti nel segno del Capricorno come non si vedeva da tanti tanti anni e Mercurio sta retrogradando in Pesci dove c’è l’infido Nettuno. Ma davvero è utile pronosticare tante sciagure? A questo servirebbe la nostra arte, l’astrologia? Chissà in quanti modi potrebbe e può ancora esprimersi questa non comune congiunzione di pianeti. Sono io che vedo il bicchiere mezzo pieno? Può darsi ma è stato proprio nei momenti di tensione che l’uomo ha prodotto le più grandi scoperte scientifiche utili all’umanità e io spero davvero che tante brillanti menti nel mondo che sono in interrotto lavoro giungano presto alla scoperta di un vaccino accorciando quel tempo previsto di 18 mesi.

Special promo San Valentino

Per tutto il mese di febbraio si potrà prenotare con me l’analisi di coppia via telefono con lo sconto del 30% sul costo del consulto.
Per info scrivetemi a: astroriflessioni@gmail.com

Oroscopo 2020

Eccoci giunti alla fine dell’anno, tempo propizio per tirare le somme sull’anno appena trascorso e azzardare qualche lettura del cielo per l’anno che sta per venire. Le classifiche imperversano ovunque, c’è sempre chi propugna il segno più fortunato dell’anno quello in cui transita Giove e il più sfigato quello dove transita Saturno. Curiosità astrologica è che quest’anno i due pianeti transiteranno nello stesso segno, sono proprio curiosa di leggere come risolveranno il dilemma spicciolo alcuni…
Ma sappiamo bene che le cose non sono mai così semplici altrimenti due pianeti farebbero il gioco per tutti i segni. E gli altri pianeti dove li mettiamo? E le retrogradazioni? E le lunazioni? E le eclissi? Questo per dire che c’è molto da studiare prima di azzardare una pseudo classifica. Io farò qualcosa di diverso, vi svelerò non i segni che se la passeranno meglio ma le modalità, certo è che dovrete conoscere da soli a quali segni corrisponde una modalità! Vi faccio lavorare un po’, così da non farvi annoiare. I segni mobili saranno, a mio avviso, quelli che cavalcheranno meglio l’onda dei cambiamenti astrali, tutti e 4 i segni appartenenti alla modalità mobile. I segni cardinali della Bilancia e del Cancro invece faticheranno un po’ di più. Ma ce n’è un po’ per tutti durante il 2020, intendo un po’ di fortuna. Auguri!

Brevi anticipazioni sul 2020

Parlare già del 2020 può sembrare un tantino affrettato considerando che siamo ancora in pieno ottobre ma posso assicurarvi che la maggior parte degli astrologi che fanno previsioni scritte hanno già dato un’attenta occhiata ai transiti del nuovo anno. C’è addirittura chi ne parla da un paio di anni! Perché direte voi? Cosa c’è di così importante in cielo rispetto a quest’anno o a all’anno scorso? Molto. Vi dirò di più. C’è un evento astrale che non si ripete da così tanto tempo quasi da perderne memoria. Nel segno del Capricorno transitano già due giganti dello zodiaco,  Saturno e Plutone. Ebbene, dalla fine di quest’anno il duo si arricchirà del gigante gassoso Giove, ma non è finita! Nei primi mesi del 2020 si unirà anche Marte al banchetto. La cosa si fa seria, gli astrologi si dividono tra catastrofisti (i soliti… ) e i dubbiosi (meglio il dubbio alla certezza di sfiga). Io non mi colloco in nessuna delle due posizioni ma, tenendo i piedi ben fermi sullo studio, ho idea che l’effetto del quartetto non solo si farà sentire in maniera diversa a seconda della casa solare in cui transita e con quale angolarità si pone per ogni segno ma molto dipenderà da cosa ha già prodotto l’attuale transito di Saturno e Plutone in Capricorno. Questo perché Giove amplifica per cui se troverà tesori ne porterà di altri ma se troverà problemi li amplificherà. Marte allora, che farà? Sarà la miccia che accenderà un fuoco o brucerà tutto. Stay tuned.

Estate 2019: retrograda!

Quest’anno il meteo l’ha tirata lunga, pareva che l’estate non dovesse arrivare mai ma alla fine il ciclo delle stagione vince sempre e finalmente possiamo dire di essere in estate. Ma come sarà astrologicamente parlando questa stagione? In una sola parola direi retrograda.
Già da giugno abbiamo Giove, Saturno, Nettuno e Plutone in retrogradazione ed essendo pianeti semilenti e lenti già prefiguriamo che i grandi cambiamenti che aspettiamo, se li aspettiamo, non saranno all’ordine del giorno. A luglio la situazione si complica ulteriormente perché Mercurio, il messaggero degli dei, compie la sua retrogradazione. Il quid in più che aggiunge Mercurio è che sebbene le comunicazioni si facciano in generale più complicate, la retrogradazione ci mette però in contatto con chi avevamo perso di vista. In altre parole torna il passato e considerando che i segni coinvolti nella retrogradazione sono il Cancro e il Leone direi che chi torna lo fa in grande stile e con dei buoni sentimenti per noi. Ad agosto Giove torna diretto e così Mercurio, entrambi appartengono all’asse Gemelli-Sagittario quello, tra l’altro, relativo ai viaggi. Agosto è il mese migliore per viaggiare, avremo meno intoppi generici sul fronte organizzativo e di riuscita. Stessa cosa può dirsi per Settembre che sul finire vede anche Saturno riprendere il moto diretto ma qui più che di vacanza può parlarsi di ripresa del lavoro o dell’arrivo di esso. Buone vacanze!