Oroscopo 2020

Eccoci giunti alla fine dell’anno, tempo propizio per tirare le somme sull’anno appena trascorso e azzardare qualche lettura del cielo per l’anno che sta per venire. Le classifiche imperversano ovunque, c’è sempre chi propugna il segno più fortunato dell’anno quello in cui transita Giove e il più sfigato quello dove transita Saturno. Curiosità astrologica è che quest’anno i due pianeti transiteranno nello stesso segno, sono proprio curiosa di leggere come risolveranno il dilemma spicciolo alcuni…
Ma sappiamo bene che le cose non sono mai così semplici altrimenti due pianeti farebbero il gioco per tutti i segni. E gli altri pianeti dove li mettiamo? E le retrogradazioni? E le lunazioni? E le eclissi? Questo per dire che c’è molto da studiare prima di azzardare una pseudo classifica. Io farò qualcosa di diverso, vi svelerò non i segni che se la passeranno meglio ma le modalità, certo è che dovrete conoscere da soli a quali segni corrisponde una modalità! Vi faccio lavorare un po’, così da non farvi annoiare. I segni mobili saranno, a mio avviso, quelli che cavalcheranno meglio l’onda dei cambiamenti astrali, tutti e 4 i segni appartenenti alla modalità mobile. I segni cardinali della Bilancia e del Cancro invece faticheranno un po’ di più. Ma ce n’è un po’ per tutti durante il 2020, intendo un po’ di fortuna. Auguri!

Brevi anticipazioni sul 2020

Parlare già del 2020 può sembrare un tantino affrettato considerando che siamo ancora in pieno ottobre ma posso assicurarvi che la maggior parte degli astrologi che fanno previsioni scritte hanno già dato un’attenta occhiata ai transiti del nuovo anno. C’è addirittura chi ne parla da un paio di anni! Perché direte voi? Cosa c’è di così importante in cielo rispetto a quest’anno o a all’anno scorso? Molto. Vi dirò di più. C’è un evento astrale che non si ripete da così tanto tempo quasi da perderne memoria. Nel segno del Capricorno transitano già due giganti dello zodiaco,  Saturno e Plutone. Ebbene, dalla fine di quest’anno il duo si arricchirà del gigante gassoso Giove, ma non è finita! Nei primi mesi del 2020 si unirà anche Marte al banchetto. La cosa si fa seria, gli astrologi si dividono tra catastrofisti (i soliti… ) e i dubbiosi (meglio il dubbio alla certezza di sfiga). Io non mi colloco in nessuna delle due posizioni ma, tenendo i piedi ben fermi sullo studio, ho idea che l’effetto del quartetto non solo si farà sentire in maniera diversa a seconda della casa solare in cui transita e con quale angolarità si pone per ogni segno ma molto dipenderà da cosa ha già prodotto l’attuale transito di Saturno e Plutone in Capricorno. Questo perché Giove amplifica per cui se troverà tesori ne porterà di altri ma se troverà problemi li amplificherà. Marte allora, che farà? Sarà la miccia che accenderà un fuoco o brucerà tutto. Stay tuned.

Luna Nuova in Vergine

Tra le mie prime sperimentazioni interpretative astrologiche c’è una rubrica che dedicai su un famosissimo sito astrologico sulle Lune Nuove. Oggi vive di vita propria grazie al contributo di tanti alti utenti ed è rimasto sempre uno spazio di cui sono orgogliosa. Non scrivo più sulla Luna Nuova del mese, da tempo mi occupo su una rivista CIDA dell’ingresso del Sole nel segno, d’altronde diversificare e occuparsi di diversi argomenti non fa perdere l’interesse per gli stessi. Ma veniamo a noi. Ho deciso di studiare la Carta dell’ingresso del Sole in Vergine perché mi pare particolarmente interessante e positiva e ho voglia di condividere con voi che mi leggete le mie impressioni sull’evento celeste.
Il 30 agosto si perfeziona la Luna Nuova in Vergine con la vicinanza di Mercurio appena entrato nel segno, di Venere, di Marte e del trigono dello stellium a Urano. Giove guarda di traverso amplificando i temi della lunazione. E’ una Luna Nuova alquanto dinamica sebbene si formi in un segno di terra notoriamente pratico e cerebrale. Non escludo affatto che la dinamicità si riferisca alle questioni di cuore unitamente a quelle di sesso. Ma il segno è pur sempre legato al lavoro per cui anche tutte le questioni lavorative che stagnavano e non decollavano sembrano riprendere quota e balzare subito in primo piano. Urano accelera i tempi e per la Luna Piena  del 14 settembre, a mio avviso, le basi saranno state decise e si raccoglieranno i primi frutti dell’impegno vergineo a voler concretizzare le idee e i desideri. Buona lunazione!

Estate 2019: retrograda!

Quest’anno il meteo l’ha tirata lunga, pareva che l’estate non dovesse arrivare mai ma alla fine il ciclo delle stagione vince sempre e finalmente possiamo dire di essere in estate. Ma come sarà astrologicamente parlando questa stagione? In una sola parola direi retrograda.
Già da giugno abbiamo Giove, Saturno, Nettuno e Plutone in retrogradazione ed essendo pianeti semilenti e lenti già prefiguriamo che i grandi cambiamenti che aspettiamo, se li aspettiamo, non saranno all’ordine del giorno. A luglio la situazione si complica ulteriormente perché Mercurio, il messaggero degli dei, compie la sua retrogradazione. Il quid in più che aggiunge Mercurio è che sebbene le comunicazioni si facciano in generale più complicate, la retrogradazione ci mette però in contatto con chi avevamo perso di vista. In altre parole torna il passato e considerando che i segni coinvolti nella retrogradazione sono il Cancro e il Leone direi che chi torna lo fa in grande stile e con dei buoni sentimenti per noi. Ad agosto Giove torna diretto e così Mercurio, entrambi appartengono all’asse Gemelli-Sagittario quello, tra l’altro, relativo ai viaggi. Agosto è il mese migliore per viaggiare, avremo meno intoppi generici sul fronte organizzativo e di riuscita. Stessa cosa può dirsi per Settembre che sul finire vede anche Saturno riprendere il moto diretto ma qui più che di vacanza può parlarsi di ripresa del lavoro o dell’arrivo di esso. Buone vacanze!

Urano in Toro

Dal punto di vista astrologico questi primi giorni di marzo sono piuttosto febbrili. C’è aria di cambiamento, di modifiche importanti, di cambi di direzione ma anche di dubbi e ripensamenti. Andiamo con ordine. La Luna Nuovo in Pesci congiunta a Nettuno è come fare un salto in lungo ma senza vedere bene cosa c’è dopo l’ostacolo. La lunazione è sempre foriera di aspettative, nuove prospettive e desiderio di un nuovo inizio ma cosa c’è di più indefinito di Nettuno che condiziona fortemente questa Luna Nuova? Ovvio che il pianeta della nebbia, della confusione, dell’offuscamento non  ci fa vedere chiaramente verso dove ci stiamo dirigendo con la nostra volontà e con le nostre scelte ma c’è sempre quel sottofondo di speranza mista a illusione che ci fa credere di stare percorrendo la strada giusta. A fare il paio con questa energia confusionaria c’è la retrogradazione di Mercurio, il dio dell’intelletto che si fa retrogrado e di certo non aiuta a vagliare bene la strada da percorrere. Già di per sé Mercurio in Pesci è un chiaro indicatore di idealizzazione e scarsa capacità di giudizio se poi si fa anche retrogrado nel segno del misticismo ecco che la confusione dentro di noi ci attanaglia.
Su tutto questo ecco che fa da guida il nuovo ingresso di Urano in Toro. Nel pacioso e riflessivo segno di terra del Toro Urano si fa più prudente, più calmo, più deciso a costruire anziché demolire come nel segno dell’Ariete. I tempi si fanno meno convulsi ma allo stesso tempo le soluzioni possono arrivare all’improvviso. Quello che c’è da capire è che le scelte in realtà saranno state a lungo vagliate anche se ci sembrerà di prendere decisioni improvvise. Il Toro non ci permetterà di sbagliare, saranno la prudenza e l’accortezza che ci occorrono per dirigere bene le nostre energie e Urano coglierà sempre l’attimo giusto per agire perché quella è la sua caratteristica.